Qual è la differenza tra memoria ram e memoria di massa?

Quando si parla semplicemente di memoria, si intende la RAM (Random Access Memory). Si tratta di una memoria che è collegata direttamente con il processore, ed è velocissima. Non contiene i nostri file, ma le istruzioni che il processore deve elaborare, nonché i programmi aperti. L’operazione di caricamento, infatti, altro non è che la copia dei file di programma dal disco rigido alla RAM. La RAM è ancora oggi molto costosa, in proporzione ai dischi rigidi. 4 GB di memoria possono costare come un disco da almeno un centinaio di GB. La memoria ha inoltre una caratteristica particolare: è volatile. In pratica, quando è interrotta l’alimentazione, i dati in essa contenuti spariscono. Tale caratteristica non è tuttavia una limitazione: la RAM serve esclusivamente quando il computer è acceso, mentre quand’è spento i nostri dati sono al sicuro sulle memorie di massa (disco rigido, chiavette, ecc…).

Banchi di memoria RAM. E’ sufficiente incastrarne uno all’apposito slot sulla scheda madre per dare al PC una sferzata di potenza! Il banco più piccolo è quello per i portatili.

Le memorie di massa sono più lente, costano tendenzialmente meno della RAM e sono persistenti. Le chiavette USB e le memorie flash, utilizzano una tecnologia simile alla RAM: anche se le velocità di lettura e scrittura non sono le stesse, i tempi di accesso (l’arco di tempo che intercorre tra la richiesta e il posizionamento sui settori da leggere o scrivere) sono incredibilmente bassi. La memoria di massa oggi più diffusa è il disco rigido: tutti ne abbiamo almeno uno sui nostri PC. Si tratta di un disco fatto di piatti metallici sovrapposti in pila che girano in un contenitore sottovuoto. Tra ogni piatto vi è un braccio metallico con una testina. Quando è necessario accedere ad un settore, è necessario posizionare la testina ed attendere che il settore vi si trovi in prossimità: un’operazione che dura pochi millisecondi, ma può rallentare enormemente l’accesso ai dati, soprattutto se questi si trovano in posizioni sparse. Ecco perché sui dischi rigidi è molto importante eseguire regolarmente la deframmentazione. L’Hardisk è anche uno tra i componenti più delicati di un PC: soprattutto quando è in azione basta un piccolo urto per mettere a rischio i dati memorizzati. I dischi rigidi del futuro saranno basati sulla tecnologia delle chiavette, riducendo i tempi di accesso e minimizzando i rischi legati alla fragilità.

Perché la RAM è importante? Come faccio a sapere quanta ne ho?

La RAM è fondamentale perché senza… il processore non saprebbe cosa eseguire.

L’utilità della RAM naturalmente non si ferma qui: i nuovi sistemi operativi (soprattutto Windows) sono voraci di memoria, ne richiedono parecchia (almeno 1 GB, sulle versioni recenti).

Quando la memoria RAM scarseggia, non dovrebbe essere possibile avviare nuovi programmi. I sistemi operativi hanno tuttavia ovviato a tale inconveniente (è facile esaurire la memoria, soprattutto avviando programmi particolarmente pesanti) con una soluzione intelligente: lo swap.

In pratica, quando c’è poca memoria, i dati meno utilizzati vengono copiati in una regione dell’hardisk per recuperare spazio da destinare ad altri programmi in esecuzione, dando origine a un consistente traffico di scambi tra memoria e disco rigido.

Tale traffico, se da un lato permette di superare i limiti della poca memoria disponibile, dall’altro rallenta enormemente le prestazioni dell’intero PC.

Ecco spiegato perché è importante avere una buona quantità di memoria (oggi l’ideale è 4 GB, che per alcuni scenari sono già pochi).

Dunque, come fare a sapere quanta memoria ha il proprio PC? E’ semplice: su windows fate clic su start, quindi con il tasto destro su computer e dal menu che compare scegliete proprietà.

La finestra delle proprietà di sistema mostra diverse informazioni sul PC, inclusa la quantità di RAM installata.

Author: Federico Flecchia

Classe 1991, sviluppatore web e docente di laboratorio tecnologie informatiche.
Ha fondato il blog di Living in 2k per condividere la sua passione e diffondere un po’ di cultura informatica.
E’ laureato in Scienze dell’Amministrazione e Consulenza del Lavoro.
Segni particolari: sognatore, poliedrico.

Share This Post On

6 Comments

  1. Molto utile, è spiegato molto bene ed è alla portata di tutti, sopratutto di quelli che di informatica ne capiscono poco. Bravi!.

    Post a Reply
  2. Bravo per la spiegazione, mi è stata molto utile, xkè molto comprensibile…solo ti consiglio di aggiornare la pagina, perché ad oggi, la pennetta è molto usata…

    Post a Reply
    • Grazie del commento! Puoi solo spiegarmi meglio cosa intendi dire con “la pennetta”?

      Post a Reply
  3. ciao e complimenti

    secondo te , dovendo utlizzare un pc portatile solo scaricare percorsi per bici da un sito ufficiale ( garmin ) e nient’altro, basta un net book con ram 512 mb e hard disk da 60 gb?. inoltre cosa significa quando scrivono : sistema operativo xp ect non installato, solo licenza? che devo installarlo immagino. giusto?

    Post a Reply
    • Ciao Alberto,
      In breve, la mia risposta è NO, per una serie di ragioni:
      1) 512 MB di RAM sono davvero pochi per far funzionare le versioni recenti di Windows (7/8/10), mentre Windows XP è talmente datato che sta iniziando a dare problemi di compatibilità con i programmi, tra cui i browser Web. Inoltre, Windows XP è ormai esposto a virus e rischi di vario tipo, quindi sarebbe una pessima scelta.
      2) I Net Book sono un prodotto superato, inoltre hanno una risoluzione dello schermo troppo bassa per far funzionare la maggior parte delle applicazioni.
      3) Computer senza licenza vuol dire che devi procurarti un sistema operativo ed installarlo.

      Per non parlare del disco da 60gb, ormai troppo poco capiente.

      Il mio consiglio è di lasciar perdere e dirigerti su un computer di fascia bassa, che sicuramente è in grado di offrirti prestazioni migliori e soprattutto un sistema operativo di oggi. Per Windows 10 il requisito minimo di RAM è 2 GB, meglio averne 4.

      A partire da 300 € puoi comprare una macchina nuova per un uso basilare. Per un PC “bellino”, il prezzo parte dai 600 €. Decidi tu cosa fare, ma quel NetBook è utile a ben poco!

      Post a Reply

Dì la tua!