Da Arpanet al Web 2.0 – Mappa concettuale e tesina per la Maturità

Sei uno studente diplomando e hai l’incubo della tesina da presentare all’esame?

Se l’informatica per te è una passione voglio condividere con te la mia mappa concettuale, insieme ad alcuni consigli da una persona che è già passata alla maturità (da prendersi con le pinze, mi raccomando, non in tutte le scuole funziona allo stesso modo).

Innanzitutto quando avrai il colloquio orale, calma e sangue freddo. Agitarsi peggiora solo le cose. Sono banalità ovvie e dette mille volte, ma è la cruda realtà.

I primi dieci minuti saranno dedicati alla tesina (potrebbero essere meno o più, dipende dalla commissione), e di norma sono solo tuoi. Avrai la possibilità di esporre l’argomento che hai scelto in tutta libertà.

Se farai una tesina scritta ti consiglio di essere conciso: immagina un insegnante alle prese con 25-30 faldoni da 50 pagine ciascuno, inizia bene la maturità. A volte gli insegnanti non leggono nemmeno le tesine, quindi rischieresti oltremodo di disperdere i tuoi sforzi in un lavoro che non sarà guardato.

Ti consiglio invece di curare la presentazione della tua tesina, renderla piacevole da leggere, sintetica ma completa, in una sola parola efficace.

Cura l’ortografia, la tipografia (spaziature, caratteri, interruzioni) e studia un layout che sappia attrarre l’attenzione senza essere un’arlecchinata.

E’ una caratteristica che ti sarà molto richiesta anche nel mondo del lavoro.

Altro consiglio è quello di fare molti collegamenti attorno all’argomento da te scelto.

Il rito della tesina ha infatti 2 scopi:

  1. Metterti a tuo agio, rompendo il ghiaccio e sbloccandoti se sei un po’ timido, anche alla luce del fatto che metà delle persone che sono lì non le hai mai viste.
  2. In alcuni casi, guida gli insegnanti sulle domande da farti, che potrebbero essere legate agli argomenti che hai affrontato. Tuttavia, non pensare che questa sia la regola assoluta e studia più che puoi.

Alla tesina puoi sostituire una mappa concettuale, con i soli riferimenti agli argomenti che esporrai oralmente e ai collegamenti interdisciplinari.

[aswp id=”1″]

Mappa concettualeVeniamo quindi al lavoro che ho fatto io. Utilizzando Publisher, programma del pacchetto Office, ho disegnato la mia mappa concettuale, che potrebbe anche essere definita un’infografica.

Il titolo che ho scelto è “Da Arpanet al Web 2.0“. L’argomento è molto interessante, anche per persone non addette ai lavori, e si presta a collegamenti con pressoché qualsiasi disciplina.

Ho iniziato con storia, parlando degli eventi che hanno fatto da sfondo alla nascita di Internet. Si può parlare della società post-industriale, della nascita della questione legata all’ambiente, di globalizzazione e dell’emergere del terzo mondo, nato dai paesi non allineati alle due super-potenze. E infine della rivoluzione dell’elettronica e delle comunicazioni che ha avuto inizio negli anni ’80 e continua tutt’ora.

Per quanto riguarda l’informatica, ho parlato di XmlHttpRequest, un modo per rendere le pagine web più dinamiche e interattive senza usare i frame: in parole semplici, ciò che è alla base dei siti web moderni, di Facebook e Google.

In quel periodo ero diventato un utente linuxiano quasi fondamentalista (quasi, infatti la mappa l’ho fatta con Microsoft Publisher :D). Come argomenti per il diritto e la scienza delle finanze ho quindi affrontato:

  • L’uso di software open-source nelle pubbliche amministrazioni come strumento per contenere la spesa pubblica e stimolare i nostri “cervelli”.
  • Diritto d’autore nell’era di internet: la nuova sfida (in pratica il problema della pirateria e possibili soluzioni che permettano di conciliare il diritto d’autore con il cosiddetto “fair use”, oltre alle nuove forme di distribuzione dei contenuti multimediali a prezzi più bassi).

Parlando di questi argomenti ricordo che intervenne l’insegnante esterno di informatica. Mi chese se veramente ritenessi che il software open-source fosse comparabile qualitativamente al software proprietario e potesse comportare un’effettiva riduzione dei costi. Allora ero convinto di ciò, quindi lo riaffermai. L’insegnante apprezzò la capacità di sostenere le mie argomentazioni.

Terminata tale discussione passai a economia aziendale, parlando di internet e impresa, Web Marketing, pubblicità, argomenti che all’epoca (2010) iniziavano a emergere e che ora sono importantissimi. Adeguando la mappa ai tempi, si potrebbe introdurre il discorso legato al SEO, che oggi sta vivendo un vero boom.

Infine mi agganciai a Inglese, con la riflessione “Social Networks – Are they addictive?”. Direi ancora oggi molto attuale, forse più che nel 2010.

Dopo la presentazione della mappa c’è stato il colloquio vero e proprio. Le domande di storia sono state legate al periodo di cui ho parlato, mentre l’insegnante di informatica non mi fece ulteriori domande. In generale ero più tranquillo rispetto a come sono entrato, e ho concluso bene la mia maturità.

Allego a questo post la mappa concettuale, è un archivio zip con dentro il file publiser e la versione in PDF.

Scaricala ora »

Gli argomenti sono legati alle materie dell’istituto tecnico commerciale, ma possono essere facilmente adattati a pressoché qualsiasi tipo di istituto superiore, essendo Internet un fenomeno che riguarda i più disparati ambiti della quotidianità.

Spero di essere stato di aiuto a qualcuno, e se sì che costui vorrà farmi sapere com’è andata lasciando un commento!

In bocca al lupo a tutti gli studenti diplomandi!

Author: Federico Flecchia

Classe 1991, sviluppatore web e docente di laboratorio tecnologie informatiche. Ha fondato il blog di Living in 2k per condividere la sua passione e diffondere un po' di cultura informatica. E' laureato in Scienze dell'Amministrazione e Consulenza del Lavoro. Segni particolari: sognatore, poliedrico.

Share This Post On

11 Comments

  1. Faccio l’artistico secondo te posso presentare una tesina del genere?

    Post a Reply
    • Non posso darti una risposta sicura perché non conosco il tuo tipo di scuola, immagino che vorrai trattare gli argomenti focalizzandoti sul rapporto tra arte e Internet.
      Potresti parlare di Web Design, applicando le tecniche visive che hai imparato al mondo della realizzazione dei siti web. E’ un mondo quasi sconosciuto per me, ma so del rapporto tra layout e sezione aurea.
      Magari visita qualche sito tipo http://www.templatemonster.com alla ricerca di ispirazione per parlare dei template. Spiega anche le differenze tra disegnare su una tela di dimensioni definite e disegnare su schermi diversi.
      E se non vuoi essere troppo settoriale, fai qualche collegamento con il mondo della grafica pubblicitaria, della cartellonistica.
      Spero di averti aiutata, in bocca al lupo 😉

      Post a Reply
  2. Faccio lo scientifico, il mio problema è che vorrei riuscire a collegare materie importanti come matematica fisica o filosofia senza dover scendere nei particolari fisici di un computer che usa internet
    puoi darmi qualche consiglio?

    Post a Reply
    • Ciao Mirko, premesso che non conoscendo il tuo tipo di scuola non so se queste informazioni possono esserti d’aiuto, ma questi possono essere alcuni spunti.

      Matematica: puoi esporre la formula per il calcolo del CRC o dell’MD5 (sono algoritmi per controllare che le informazioni arrivate a destinazione siano corrette).
      In alternativa se vuoi un argomento più soft potresti provare con la teoria dei sei gradi di separazione, secondo cui ogni individuo sulla terra in media non è più distante rispetto a uno sconosciuto di sei gradi. (quest’ultima è legata al discorso social network).

      Fisica: non l’ho studiata nella mia scuola, l’unica cosa che mi viene in mente può essere la propagazione del segnale sui cavi. Oppure, puoi spiegare che nei giochi via web moderni vengono usate formule fisiche per simulare il movimento e fare qualche esempio.

      Filosofia: qui mi trovi veramente come un pesce fuori dall’acqua. Magari qualcosa legato al concetto di comunità, o alla libertà di circolazione delle informazioni?

      Fammi sapere se riesci a usare qualcuno di questi esempi! 😉

      Post a Reply
  3. Federico bella tesina e vorrei prenderci spunto per fare la mia…
    Io faccio l’istituto tecnico tecnologico sezione informatica e vorrei chiederti comunque un po più nello specifico gli argomenti che hai trattato per ogni singola materia.
    Considerando che ho materie del calibro di informatica,sistemi(riguardante l’informatica),elettronica,statistica,matematica,inglese,storia e italiano da trattare cosa mi consigli di inserire?

    Post a Reply
    • Ciao Riccardo, premetto che nel migliore dei casi ti danno una manciata di minuti per esporre la mappa, quindi bisogna essere molto sintetici (e se scegli di trattare tanti argomenti, dovrai per forza accennarli appena). Il bello è che se sei fortunato puoi usarla per dirigere il tuo orale sugli argomenti che ti interessano! Infatti i professori potrebbero farti successivamente domande attinenti a quanto hai inserito. Questo per suggerirti non tanto di seguire quello che io ti dirò, ma quello che interessa a te e su cui ti senti più forte.
      Gli spunti che ti propongo sono:
      – Informatica: io ho accennato ad AJAX, la tecnologia per fare chiamate asincrone in una pagina web. Il prof. esterno probabilmente non sapeva nemmeno cosa fosse, comunque non mi ha chiesto più nulla della sua materia.
      – Sistemi: già, perché tu hai sistemi nella tua scuola (a ragioneria non si faceva). Immagino che sia stato dedicato ampio spazio allo stack ISO/OSI e al TCP/IP, potresti portare quelli.
      – Storia: io ho fatto dei riferimenti agli anni che hanno fatto da sfondo alla nascita di Internet (quindi dai ’70 a oggi). Ricordati che è nata come rete militare negli USA, quindi puoi agganciarti alla Guerra Fredda. In URSS invece, di fatto, l’informatica non è esistita fino al collasso.
      – Statistica: parla di quello che vuoi, facendo riferimento al fatto che i dati si possono raccogliere on-line e analizzare con i database. Puoi accennare ai Big Data, in pratica al fatto che i social network, avendo un così largo bacino di utenti, potrebbero analizzare i loro dati con metodo statistico come nessuno (nemmeno gli stati) era riuscito a fare fino ad ora.
      Per il resto ti suggerisco di dare sfogo alla tua fantasia e fare riferimento a cosa hai studiato. Ricordati che la maturità (soprattutto l’orale) non è solo una prova delle singole materie, ma anche di come sai affrontare quello che hai appreso per la tua vita futura. Collegando insieme le varie materie puoi dimostrare di aver raggiunto tale obiettivo. Direi comunque non tutte, ma 4-5. In bocca al lupo!

      Post a Reply
      • Grazie mille,dopo di faccio sape com’è andata 😉

        Post a Reply
  4. Ciao! Bella tesina! io faccio l’istituto tecnico RIM (relazioni internazionali per il marketing) e vorrei fare qualcosa legato ad internet nel settore del commercio , mi hai dato un ottimo spunto con il Web Marketing e credo proprio che ne parlerò! Poi volevo parlare delle società Dot.com e quindi Amazon, E-bay.. cosa ne pensi?
    Volevo chiederti se avevi qualche idea per poter collegare questo argomento con le lingue.. più precisamente lo spagnolo e il tedesco visto che le studio!
    Grazie mille in anticipo!

    Post a Reply
    • Ciao Martina, hai scelto un ottimo argomento che si presta a tanti spunti di riflessione e collegamenti interdisciplinari.
      Le società dot.com sono di stretta attualità, ecco alcuni spunti su cui dirigere le tue ricerche:
      – crisi degli anni 2000 per la bolla scoppiata della c.d. “net economy”. Esistono caratteristiche in comune con le attuali dot com?
      – la tutela della privacy nell’era del cloud: big data, profilazione e aspetti normativi, in Italia e in Europa. Fai riferimento alla recente normativa sui cookie.
      – startup di successo in Spagna e Germania, racconta le loro storie in lingua straniera con il metodo del case study.

      Spero di esserti stato d’aiuto, grazie per aver scritto qui e in bocca al lupo!

      Post a Reply
      • Grazie mille! Molto utile!!

        Post a Reply
        • Ciao, mi fa molto piacere che questo lavoro ti sia utile. In bocca al lupo per la tua maturità!

          Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *