android-m-6-update

Android è un sistema operativo ideato per funzionare su dispositivi mobili sviluppato dalla società Google, basandosi su un kernel Linux. Il sistema operativo è stato ideato per interfacciarsi con svariati dispositivi, principalmente per smartphone e tablet, ma con lo sviluppo successivo anche per televisori, per automobili, per orologi da polso fino agli occhiali con i Google Glass.

Android M

Google ha annunciato una nuova release che verrà presentata in anteprima il 28 maggio al Google I/O 2015. Secondo il vicepresidente del dipartimento Engineering di Google, il nuovo sistema operativo dovrebbe essere rilasciato entro la fine dell’anno, a partire quindi come sempre dagli smartphone e dai tablet che appartengono alla linea dei Nexus. Il nuovo sistema operativo non dovrebbe essere distribuito in maniera ufficiale solamente sul Nexus 4, il Nexus 10 e il Nexus 7 nella versione del 2012. Lollipop ha portato un notevole restyling nell’interfaccia grafica, introducendo per la prima volta il Material Design. Il nuovo sistema operativo, che sostituirà Lollipop, si concentrerà invece maggiormente sulle prestazioni. Due fattori risultano molto importanti secondo Google e devono essere migliorati: la durata della batteria e la gestione della RAM. Il nome con il quale verrà rilasciato il nuovo sistema operativo è ancora incerto, ma alcune indiscrezioni lascerebbero pensare possa essere Macadamia Nut Cookie, per omaggiare una tipologia di biscotti preparati con una speciale noce australiana.

Sviluppo di Android

Nelle dichiarazioni rilasciate da Hiroshi Lockheimer la programmazione di Google per le nuove release del sistema operativo è a cadenza annuale. In questo modo si possono gestire al meglio lo sviluppo degli applicativi, la produzione avviene con regolarità, gli operatori possono contare sempre su nuovi aggiornamenti e gli utenti sanno che possono contare su aggiornamenti sempre costanti.

Novità di Android M

La nuova gestione della batteria e della RAM nel nuovo sistema operativo Android M andranno di pari passo. Infatti per gestire al meglio questi due aspetti, nella nuova versione, verrà ridotta l’operatività ogni volta che lo schermo si spegne, in modo da liberare della RAM e di consentire quindi un risparmio della batteria. Inoltre si ridurranno anche le attività del Play Services, dei servizi necessari per la localizzazione e in generale l’occupazione della RAM da parte degli applicativi, in modo da far funzionare il dispositivo solo quando necessario per preservare quindi la carica della batteria. Con questi nuovi aggiornamenti dovrebbero essere minori le attività strettamente non necessarie in background. La nuova versione dovrebbe mantenere l’attuale numerazione e non essere dovrebbe al momento ancora iniziare la serie 6.