Che cos’è la fibra ottica?

E’ ormai iniziata anche da noi l’era della fibra ottica, prospettata come la soluzione per avere Internet ad altissima velocità. Cos’è esattamente la fibra ottica? Facciamo chiarezza sull’argomento!

Le normali ADSL utilizzano come mezzo di trasmissione il cavo telefonico (detto doppino). Una coppia di sottili fili di rame su cui transitano, oltre alle normali telefonate, i dati di Internet. Già l’ADSL, quando è stata introdotta, era una grande innovazione. Rispetto alle precedenti connessioni con i modem a 56Kbps, che utilizzavano le frequenze delle telefonate (rendendo occupato il telefono e con scarse prestazioni), le linee ADSL impiegano le alte frequenze. Grazie allo splitter, un’apposita scatolina da collegare tra la presa e il telefono, il traffico voce viene separato da quello dati, evitando fastidiosi fruscii ed interferenze durante le telefonate.

La tecnologia ADSL ha conosciuto un successo senza precedenti ed il doppino di rame è stato sfruttato negli anni in modi a dir poco miracolosi (le prime ADSL erano da poche centinaia di Kbps, quelle recenti possono arrivare a 20 Mbps).

La fibra ottica rappresenta il passo successivo per portare Internet a banda ultra-larga.

concept fibra ottica

I cavi in fibra ottica trasportano impulsi luminosi a grande distanza, senza dispersioni di segnale. E’ questo che rende la connessione in fibra velocissima.

I cavi in fibra ottica sono diversi dai fili in rame. Sono fatti in un materiale simile al vetro, opaco all’esterno e traslucido all’interno. Al loro interno non passa un impulso elettrico, bensì luminoso.

La luce, a differenza dell’energia elettrica, ha una dispersione di gran lunga minore, questo significa che sui cavi in fibra ottica possono essere fatti transitare dati a frequenze elevatissime senza temere che il segnale si disperda e senza la necessità di essere prossimi agli apparati di ripetizione del segnale.

Il futuro della fibra ottica è Internet a velocità superiori ai 100 Mbps, una realtà già operativa per le grandi server farm italiane.

Per ora il passaggio alla fibra nei contesti cittadini è lento e difficile: posare i cavi rappresenta un costo molto elevato, occorre forare le strade e non sempre è possibile farlo senza arrecare danni alle costruzioni e alle infrastrutture esistenti.

Questo problema viene al momento ovviato tramite la tecnologia FTTC: fiber-to-the-cabinet.

In pratica, i cavi in fibra arrivano solamente fino alle cabine che stanno venendo progressivamente installate nelle città. Da queste cabine il segnale Internet viene distribuito alle case nelle immediate prossimità sfruttando la rete telefonica già esistente.

Proprio in ragione della prossimità tra centralina telefonica e abitazione è possibile veicolare Internet a velocità di tutto rispetto (si va dai 30 Mbps in downlink / 3 in uplink in su), contenendo l’investimento.

Nell’attesa che anche nei centri urbani italiani meno estesi arrivino le condizioni per portare la rete Internet con la fibra direttamente nell’abitazione, a piena velocità.

 

Internet in fibra: conviene o no?

I prezzi delle connessioni in fibra sono al momento di poco superiori a quelle delle linee ADSL. La maggior velocità del collegamento è particolarmente indicata per chi usa servizi di streaming video acquista software e videogiochi on-line o ha bisogno di caricare dati particolarmente pesanti.

Sulla normale navigazione web e lettura della posta elettronica, invece, la velocità effettiva dipende da diversi fattori e potrebbe non essere così apprezzabile rispetto ad una buona ADSL tradizionale.

Author: Federico Flecchia

Classe 1991, sviluppatore web e docente di laboratorio tecnologie informatiche.
Ha fondato il blog di Living in 2k per condividere la sua passione e diffondere un po’ di cultura informatica.
E’ laureato in Scienze dell’Amministrazione e Consulenza del Lavoro.
Segni particolari: sognatore, poliedrico.

Share This Post On

1 Comment

  1. Sono interessata a imparare qualcosa su queste nuove tecnologie.

    Post a Reply

Dì la tua!